Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti che ci aiutano a fornire i nostri servizi, clicca su +Info per saperne di più
Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all'uso dei cookie
PGSD | POST-GRAFFITI STRESS DISORDER La grande mostra sul fenomeno Post-Graffiti a cura di Altrove  
Categoria: Eventi
Provincia: Catanzaro
Comune: Catanzaro
Data: 08/08/2018 - 30/08/2018
PGSD | POST-GRAFFITI STRESS DISORDER
La grande mostra sul fenomeno Post-Graffiti
a cura di Altrove
 
MUSEO MARCA
8 - 30 AGOSTO 2018
via Alessandro Turco 63, Catanzaro

INAUGURAZIONE MERCOLEDI 8 AGOSTO ORE 19.00
 
Vernissage a cura di chef Luca Abbruzzino
 
Post-Graffiti Stress Disorder è il titolo della quinta edizione di Altrove Festival, nonché della mostra collettiva sul fenomeno artistico più discusso dell’ultimo mezzo secolo. La mostra, ospitata dal Museo MARCA, rinomato museo nazionale di arte moderna e contemporanea, ha l’obiettivo di consolidare l’avanguardia artistica contemporanea, per l’occasione rappresentata da Abcdef (D), Boris Tellegen (NL), Alexandre Bavard (FR), Canemorto (IT), Jeroen Erosie (NL), Gruppo OK (IT), Mafia Tabak (A), Saeio (FR), Sbagliato (IT) e Tybet (IT).


Il titolo deriva dal disturbo da stress post traumatico (in psichiatria PTSD Post-Traumatic Stress Disorder), ovvero un complesso di forti sofferenze psicologiche che derivano da un evento traumatico. Il trauma, in questo caso, sono i graffiti e la loro diffusione su scala mondiale, che hanno nel tempo generato un fastidio (visuale) che condiziona la percezione di massa di un'inarrestabile e incontrollabile forma d'arte
dei nostri tempi.


L'intenzione della mostra è quella di chiarire definitivamente l'importanza e la contemporaneità critica ed estetica dei graffiti e di ciò che dagli anni '70 ad oggi hanno scatenato. La necessità di proporre oggi una mostra con questi temi proviene dalla deriva populista, non critica e anti-artistica che ha condizionato la maggior parte dei cosiddetti progetti di "abbellimento" delle città attraverso il "colore", per i quali si è spesso scelto di distruggere la ricerca artistica per accontentare il gusto della maggioranza dei cittadini, storicamente disabituati e lontani dai linguaggi dell'arte moderna e contemporanea.


Il disturbo e la confusione, la bellezza e la distorsione, saranno evidentemente presenti in una mostra che presenta oltre 70 opere degli artisti europei invitati a Catanzaro. L'intenzione è quella di ricreare l'accumulo visivo della città contemporanea, in termini di quantità e differenziazione degli elementi, oltre che rappresentare il bombardamento di immagini, e argomenti, completamente sconnessi tra loro e a cui siamo esposti minuto dopo minuto dall'utilizzo dei social.

La mostra collettiva continua la linea sperimentale avviata nel 2014 da Altrove Festival: le tele esposte saranno realizzate in una residenza di circa una settimana in cui tutti gli artisti si incroceranno per creare le opere fianco a fianco. Il poco tempo a disposizione e il ritrovarsi tutti insieme in uno stesso luogo sono un chiaro riferimento all'attitudine dei graffiti, oltre che allo spirito che ha contraddistinto la manifestazione fin dalla nascita. 
 
 
 
Edoardo Suraci
curator & co-founder

Urban Art Project
Contemporary Art Gallery
www.altrovefestival.it
mobile. +393285854507